Forum-Dialogo italo-russo della società civile

Si è svolta l’Assemblea Generale di Confindustria Russia

«Gli investitori italiani non se ne sono andati dal mercato russo, né pianificano di farlo» – ha affermato il Presidente di Confindustria Russia, Ernesto Ferlenghi, durante l’introduzione dell’Assemblea Generale dell’Associazione, tenutasi il 15 novembre a Mosca all’Hotel Radisson-Royal Ucraina.

L’evento, al quale hanno partecipato più di 450 imprenditori e organizzazioni di credito, tra i quali Unicredit, Ubi e Rosbank, ha riscosso un notevole successo. 

A partire dal 2015 Confindustria Russia lavora attivamente per supportare la comunità italiana di business in Russia e per far crescere i rapporti tra Russia e Italia, che hanno una notevole importanza storica. 

Il Presidente dell’Associazione ha sottolineato che in due anni Confindustria Russia ha raggiunto incredibili risultati, permettendo a più di 3000 aziende italiane e russe di incontrarsi, organizzando oltre 60 eventi nei due paesi e firmando numerosi accordi con associazioni, ministeri, regioni ed università.

«Le aziende italiane sono alla continua ricerca di nuovi partner e sono interessate a capire come poter meglio investire le proprie risorse, il proprio know-how all’interno del mercato russo. Anche il Governo federale è pronto ad aiutarle attraverso diversi tipi di agevolazioni. È vero, il regime sanzionatorio europeo ci ha imposto numerose difficoltà, ma non bisogna comunque avere paura, non c’è niente da temere» - ha aggiunto Ferlenghi.

Ora che il PIL russo è tornato a crescere, le opportunità in Russia sicuramente non mancano e a confermarlo è stato anche il Vice Governatore della Regione di Mosca, Denis Butsaev: «Non è mai stato così semplice investire all’interno della nostra regione e fare affari con noi. Abbiamo avuto molte visite da compagnie italiane in diversi settori. Noi siamo sempre pronti ad accogliere chiunque sia interessato alle nostre imprese».

21 novembre 2017