Forum-Dialogo italo-russo della società civile

La prima grande mostra rettrospettiva di Antonio Ligabue in Russia

La prima grande mostra rettrospettiva di Antonio Ligabue in Russia si terrà a Mosca, presso il Museo dell'Arte Contemporanea della Russia (ul. Tverskaya, 21), dal 25 gennaio all'11 marzo 2018.

La mostra «Antonio Ligabue. Lo specchio dell'anima» è organizzata in collaborazione con la Fondazione & Archivio Antonio Liguabue di Parma, con il partrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, del Ministero degli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale e con il sostegno dell'Istituto Italiano di Cultura. A cura di Marzio Dall'Acqua e Vittorio Sgarbi.

«La pittura di Ligabue nasce come necessità di espressione, attraverso una fantasia che è rimasta infantile – dice Vittorio Sgarbi. - L'unica sua fonte di ispirazione è lo zoo, il mondo degli animali in cattività, trasferito poi sul Po. Dal Po e dallo zoo esce Ligabue. Disagio è la condizione psicologica dell'artista, e disagio è ciò che distingue l'artista da chi non lo è. L'artista sa di essere artista, e intende il suo disagio come distinzione.

Gli animali che vede nella foresta sono simboli di forza, di energia, emblemi di un desiderio di libertà, di riscatto. Ligabue, uomo umiliato ed emarginato, come pittore si afferma e vince attraverso la potenza gloriosa dell'animale.
La tigre domina la foresta, la sua aggressività è vincente, ma la sua vittoria è pericolo, è la dimensione bellicosa dell'umanità. Ligabue parla di sè, definisce il suo mondo, visto e immaginato, e comunque reale».

09 gennaio 2018