Forum-Dialogo italo-russo della società civile

L’Ambasciatore Terracciano incontra i giovani studenti russi del PRIA

Si è svolto il 16 maggio a Villa Berg un incontro tra l’Ambasciatore Pasquale Terracciano e una delegazione di sessanta studenti russi che studiano l’italiano in alcune scuole di Mosca accompagnati dal corpo docente, a cui è poi seguita una visita guidata in Residenza.

Si è trattato del primo incontro in Ambasciata realizzato in questo formato allo scopo di promuovere una maggiore diffusione della lingua e della cultura italiana nel territorio della Federazione russa. Da quest’anno peraltro è stato attivato un progetto di approfondimento della lingua italiana nella Federazione con la presenza di un insegnante inviato direttamente dal MAECI nell’ambito del programma PRIA.

«Villa Berg rappresenta l’Italia nella Federazione Russa e poter visitare la nostra Ambasciata è come sfogliare un libro di storia» ha detto l’Ambasciatore Terracciano nel suo indirizzo di saluto agli oltre settanta giovani studenti presenti. «Sono certo che lingua italiana, attraverso i versi immortali dei poeti, le opere dei grandi drammaturghi ed i testi impegnati dei cantautori, vi regalerà nuove prospettive di studio, di interessi e anche di lavoro. La lingua italiana continua infatti a rappresentare una porta d’accesso privilegiata al mondo dell’arte, del design, della cultura e della musica in tutto il mondo … sono a conoscenza che le vostre scuole partecipano attivamente a numerose iniziative del programma PRIA, come il concorso di giornalismo «Scriviamo con gusto» ed il festival delle regioni d’Italia, della poesia e della canzone italiana d’autore, vincendo numerosi premi e borse di studio. La collaborazione tra le scuole e l’Ambasciata è sempre più stretto e ha dato i suoi frutti, visto che l’italiano, se guardiamo i dati globali, si conferma come la quarta lingua più studiata al mondo. Come Ambasciata continueremo a darvi tutto il necessario supporto affinché la qualità del lavoro che voi svolgete possa migliorare sempre di più» ha poi concluso l’Ambasciatore Terracciano.

Fonte: https://bit.ly/2w5pS3W

17 maggio 2019